Coltivare fiori nell’orto.

Ti piacciono i fiori? È la domanda a trabocchetto di molti test, e in un certo senso ha fregato anche me. Per anni li ho rifiutati o addirittura odiati, i fiori. Non mi piacevano i mazzi di fiori, non mi piaceva che tutte desiderassero le rose, le mimose, la stella di natale, il mazzo di bietole (forse semplicemente non mi piaceva il pensiero di diventare una donna che pretendeva regali).
E quando Alli mi ha regalato il primo fiore non so se mi ha dato più fastidio riceverlo, o riceverlo in occasione di una festa comandata; o riceverlo perché una donna “romantica” gli aveva detto: “Devi assolutamente comprare un fiore a Elle! È la festa della donna!”, senza curarsi di sapere se a me i fiori piacciono o no (i fiori o le varie feste che richiedono fiori in regalo).
Fatto sta, che fino a due anni fa, io non avrei mai pensato di trovarmi nella situazione in cui mi trovo quest’anno.

Coltivare fiori nell'orto: primule
Le nostre prime primule e il garofano rosa (2015).

Alli mi aveva sempre regalato libri, e quel fiore ricevuto controvoglia è stato uno dei pochi regali non cartacei che mi ha fatto. Era un tris di primule carinissime. “Se proprio mi devi regalare una pianta, regalami un rosmarino, che almeno è utile”, avevo borbottato io, cercando di essere il più gentile possibile (o almeno poco ingrata). “Il rosmarino ce l’abbiamo già.”, mi aveva risposto Alli perplesso. Dopo allora, mi ha regalato diverse piante aromatiche, ma nemmeno lui, quella volta, avrebbe mai pensato di trovarsi nella situazione in cui si trova quest’anno.

Coltivare fiori nell'orto: le aromatiche
Il nostro primo raccolto di aromatiche (2017): salvia, menta, prezzemolo, timo.

Ti piacciono i fiori?

I fiori sono esserini colorati, delicati e profumati. Molto belli. La mia conoscenza dei fiori non andava oltre le rose (fiori recisi) e i garofani e i gerani (fiori in giardino). Da piccola conoscevo anche le calle (ma col nome di trombe), fiore tipico da regalare alla maestra. Poi ho scoperto l’orchidea, molto più elegante e versatile da regalare (ma io sapevo che è delicata da coltivare come le rose, solo per veri appassionati). Altro fiore che conosco da sempre è il crisantemo, quello che si porta nei cimiteri, e le composizioni di fiori da regalare, inclusi i bouquet da sposa. Altro? Sì, l’orto botanico, il mio giardino preferito, soprattutto la zona delle aromatiche.

Coltivare fiori nell'orto: le spontanee
Elle comincia a cedere alla bellezza dei fiori recisi (2015), spontanei.

Coltivare fiori nell’orto.

I fiori per me non erano altro che idee regalo che devono piacere, finché io e Alli non abbiamo iniziato a studiare l’orto biologico e ci si è aperto un mondo! Coltivare fiori nell’orto, sì proprio fiori, non solo colora l’orto per buona parte dell’anno, ma è anche molto molto utile alle stesse coltivazioni!

Coltivare fiori nell'orto: il nasturzio
Il nostro primo nasturzio, fra i fagioli, contro gli afidi.

I fiori nell’orto sono utili perché:

  • hanno un buon profumo che attira le api e altri insetti impollinatori; questi insetti, a loro volta, sono utili nell’orto quando, finalmente, anche gli ortaggi fanno i fiori e questi vanno impollinati (per esempio zucche e zucchine). Le zinnie, il nasturzio, la lavanda svolgono egregiamente questa loro funzione*.

  • Emanano odori sgradevoli dal fiore o dalla radice, che tengono lontano i parassiti del terreno (come i nematodi), che attaccano le piante da sotto; è il caso del tagete e della calendula. Oppure gli insetti che attaccano foglie e frutti della pianta, come afidi e lumache: è il caso del tanaceto e del nasturzio; cimici, formiche e altri insetti: è il caso dell’achillea, o del lino che protegge la patata dalla dorifora*.

  • Ricreano quell’ambiente naturale che favorisce lo sviluppo sano delle piante: un ambiente con tante varietà di piante, che si accavallano nei periodi di crescita e di fioritura, che si aiutano a vicenda quando c’è da intraprendere una lotta biologica, che aiutano noi ad avere ortaggi naturali e sani a costo zero.
Coltivare fiori nell'orto: il tagete
Il tagete a difesa dell’alloro malato: un toccasana.
Coltivare fiori nell'orto per attirare le api
Coltivare fiori nell’orto per attirare le api.

Seminare fiori nell’orto.

Tutti questi fiori possono essere seminati a marzo-aprile, alcuni in semenzaio, altri direttamente nell’orto, tutti in luna crescente. Il primo anno di orto, noi abbiamo comprato le piantine perché ci siamo lasciati sfuggire il periodo di semina; dopo abbiamo in parte conservato i semi (di tagete e di calendula), in parte provveduto a comprare già a gennaio-febbraio le sementi biologiche (nasturzio, achillea).
Il consiglio per la semina è sempre quello di seguire le istruzioni sulle bustine di semi o, in alternativa, andare a sentimento, lanciare i semi a casaccio, lasciar fare alla natura. Io l’anno scorso ho fatto così col coriandolo (fa ridere se dico di aver lanciato il coriandolo, ma è così), quest’anno lo farò col cumino che mi ha regalato Alli per il compleanno (di sua spontanea iniziativa).

Coltivare fiori nell'orto e autoprodurre i semi
Coltivare fiori nell’orto e autoprodurre i semi: tagete.
Coltivare fiori nell'orto e autoprodurre i semi
Coltivare fiori nell’orto e autoprodurre i semi: la calendula.

Dove seminare (o trapiantare) i fiori nell’orto?

Se le erbe spontanee non danno problemi quando si tratta di decidere dove metterle, visto che decidono da sole e a volte esagerano e invadono ogni spazietto disponibile; con le erbe aromatiche e i fiori potrebbe sorgere il dubbio: vicino agli ortaggi? Nella stessa aiuola addirittura? Vicini ma lontani? La risposta è semplice: ovunque e moltissimi.

Coltivare fiori nell'orto: la consociazione con gli ortaggi
Calendula coi porri.
Coltivare fiori nell'orto: la consociazione con gli ortaggi
Calendula coi cavoli.

Le piante aromatiche e le piante da fiore le devi disseminare per tutto l’orto, fra un’aiuola e l’altra, come bordura, una qua e un’altra là, una in ogni dove, due o tre vicine, due o tre più in là, altre due o tre e poi basta. Altre due o tre, ancora e ancora. Divertiti. Sei libera di esagerare, perché le erbe aromatiche e i fiori nell’orto sono talmente utili che praticamente lavoreranno per te. Esagera pure. Più fiori ci sono, più insetti buoni attirano. Più ce ne sono meno insetti cattivi arriveranno, spaventati dalle piante odorose oppure dalla presenza in massa di insetti buoni. Le coccinelle ad esempio, sono insetti buonissimi: mangiano afidi come se non ci fosse un domani, se hai le coccinelle puoi fare i salti di gioia.

Insomma, quella risposta di Alli, che noi “il rosmarino ce l’abbiamo già”, non la daremo mai più per nessuna pianta, perché nell’orto i fiori e le erbe non bastano mai.

Coltivare fiori nell'orto: la consociazione con gli ortaggi
Calendula con la rucola e il lino (dietro) con le patate.
Coltivare fiori nell'orto: la consociazione con gli ortaggi
Calendula con le melanzane.

Alla fine della fiera.

Tocco di colore, profumo irresistibile, commestibilità: tre vantaggi precisi se hai i fiori nell’orto. Se il primo vantaggio è minimo (chi se ne frega del colore, vero, ma ne riparliamo quando arrivano le giornate grigie e nell’orto hai le fioriture autunno-vernine), gli altri due sono duplici. Il secondo l’abbiamo appena visto, il terzo lo vedremo nella lettera che ti scriverò con la luna piena: fiori e erbe sono utili non solo da vivi, ma anche da morti, in ogni loro parte, per nutrire (o difendere) gli ortaggi, ma anche per essere mangiati da noi.
Indovina un po’, anche le primule sono commestibili! Noi abbiamo già mangiato diverse volte nell’insalata le foglioline più tenere. Purtroppo la primula venduta nei vivai o dai fiorai non dura molti anni, le nostre (le mie) sono morte l’anno scorso (ok, sono morte dopo un mio trapianto azzardato, sono la solita).

Insomma, la mia risposta, che non voglio fiori “piuttosto un rosmarino, che almeno è utile”, noi non la daremo più per nessun fiore, perché abbiamo scoperto che anche i fiori più insospettabili tornano utili sia nel nostro orticello biologico, sia in cucina direttamente.

Coltivare fiori nell'orto: la consociazione con gli ortaggi
Coltivare fiori nell’orto: il tagete.

*link affiliati

6 Commenti

  1. Ehi, ma le orchidee con quelle splendide finestre che hai verrebbero una meraviglia ed è assolutamente falso che sono difficili da gestire io ne ho da anni e con il minimo sforzo. Per il resto te lo invidio quell’orto fiorito. Tenetemi un po’ di cumino e coriandolo per la prossima volta che ci vedremo!

    1. Elle

      Io sapevo così (quando ero piccola). Ora so che non è così, visto che io stessa ne ho avuta una che dopo aver perso i suoi due fiori, e nonostante io non mi curassi di lei (aspettavo che morisse perché non la volevo), era rifiorita splendidamente (forse l’avevi vista nel vecchio blog, perché si era meritata un bel post fotografico). Il fatto è che io non voglio fiori in casa, mi bastano le mie matilde, ma fuori in giardino mi piacciono tantissimo! Coriandolo e cumino li avrai, fra le nostre idee c’è anche lo scambio di semi 😉

  2. Diego Alligatore

    Mettete dei fiori nei vostri cannoni, cantavano nel ’68 (purtroppo così lontano), mi è venuto in mente questo slogan leggendo il tuo divertente post sui fiori: per spiegare quanto e perché sono belli (e utili) i fiori, hai raccontato nostri buffi episodi, e mi sono divertito a leggerlo (sì, è vero, non mi sarei mai immaginato certe cose, che poi abbiamo fatto … e faremo). I fiori sono belli da vedere, molti hanno profumi gradevoli (per noi, ma non per certi insetti), e tra i più belli trovo il tegete (molto flower power) e la calendula (dalle notevoli proprietà antiinfiammatorie).
    p.s.
    Prima o poi, festeggeremo uno dei nostri anniversari, mangiando fiori in quel ristorante vegetariano in collina (però bisogna andarci in primavera, quando i petali sono al massimo splendore).

    1. Elle

      Be’, di anniversario ne abbiamo uno ad aprile, se non erro 😉
      Non solo l’orto, ma anche la nostra palude del cuore è tutto in divenire… chissà cosa avremo e faremo l’anno prossimo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *