Loro 1 e Loro 2 di Paolo Sorrentino.

Loro 1 e Loro 2 di Paolo Sorrentino, visti a distanza di una settimana esatta, confermano la mia idea che il regista si trovi a suo agio quando parla direttamente di politica. Berlusconi non appare subito, però se ne parla: Loro, cioè gli italiani, parlano, cercano, sognano l’incontro con Lui. Leggi la mia rece sul blog.

Elle e Alli al Trento Film Festival 2018.

Cinema della montagna. Fino a tre secoli fa le montagne erano luoghi di pericolo, poi la conquista dell’Everest a metà del XX secolo, e oggi le vacanze di massa in montagna, con interminabili file di corriere, gente che sale in fila indiana in luoghi ancora affascinanti, ma sempre meno misteriosi. La montagna al TFF.

Nell’orto con …A Toys Orchestra

…A Toys Orchestra, gruppo importante da me intervistato molte volte. Posso dire di averli visti crescere, disco dopo disco, mantenendo una modestia rara a certi livelli, e questo denota una disciplina quasi zen. Disciplina quasi zen dimostrata anche dall’ordine e dalla chiarezza programmatica dei loro splendidi dischi.

Ella & John – The Leisure Seeker di Paolo Virzì

Ella & John di Paolo Virzì è girato negli States, lungo la mitica Route 1 che corre parallela alla costa orientale, un viaggio verso sud fatto contro il volere di medici e degli apprensivi figlio e figlia. La meta è la casa museo di Hemingway a Key West. La mia recensione nel post.

Nell’orto con Lello Voce e Claudio Calia.

Questa sera abbiamo il piacere di avere nell’orto un poeta e intellettuale di spessore quale Lello Voce, e uno dei miei fumettisti preferiti in assoluto, Claudio Calia. Sono qui per parlare di Santa Bronx un cd, un libro, un fumetto targati squi[libri], con l’Italia di Alberto Dubito e i Disturbati dalla CUiete.

Nell’orto con Felpa.

Intervista a Felpa, progetto solista di Daniele Carretti degli ODP, per il suo terzo disco in uscita. Tregua, s’intitola l’album: otto pezzi rilassati, nostalgici, romantici, con l’elettronica al servizio dell’uomo. Ascoltandolo si viene presi da una positiva malinconia, calda e avvolgente.

Nell’orto con Maria Devigili.

Maria Devigili, cantautrice di Trento al suo terzo disco appena uscito. Tempus Fugit, un disco con una tematica importante per noi qui nel web, sempre di corsa, sempre connessi: il tempo. Con dieci pezzi freschi e diretti, a tratti giocattolosi, a tratti di classico cantautorato voce e chitarra.

Un anno al cinema… il 2017.

Ecco la consueta lista dei film visti al cinema nel corso dell’anno appena trascorso. Ben 43 film gustati rigorosamente nella buia sala cinematografia, l’unica adatta a mostrare il Cinema. Dico questo avendo visto in tv, nel periodo delle feste, un film come il Cigno nero, che rivisto sul piccolo schermo mi è sembrata la brutta copia del gran capolavoro goduto al cine qualche anno fa.

The Place di Paolo Genovese.

The Place di Paolo Genovese, con un Valerio Mastrandrea in splendida forma; Alba Rohrwacher, attrice del nostro cinema più colto; Sabrina Ferilli, in un ruolo apparentemente piccolo, che alla fine si rivela qualcosa di più, e altri attori tutti bravissimi in un film che rappresenta la vita. Meccanica, banale, in cui gli esseri umani in fondo sono tutti uguali, anche se diversi, tutti prevedibili, anche se originali. Il film vola alto, e si possono aprire molti discorsi filosofici, o anche più terra terra.